BENVENUTI

sul blog del Caffè Letterario La Luna e il Drago

lunedì 12 novembre 2018

XXI Premio Letterario Nazionale Carlo Levi – Omaggio a Rocco Brancati di Michele Santoro

Si è svolto Sabato 3 Novembre ad Aliano (Mt), la XXI Edizione del Premio Letterario Nazionale Carlo Levi, che quest’anno è stato dedicato al grande giornalista, saggista e studioso Rocco Brancati, scomparso nel mese di Aprile di quest’anno, che ha raccontato la Basilicata attraverso le storie dei grandi personaggi cui si avvicinava , con meticolosità, tatto e quell’educazione necessaria per esplorare la loro vita. L’importante manifestazione culturale iniziò il suo cammino nel 1988. Ad opera del locale Circolo Culturale “Nicola Panevino”, presieduto da don Pietro Dilenge, per raccogliere le tesi di laurea su Carlo Levi.
Dopo le tesi su Levi, poco per volta, la cittadina si è arricchita di un vero premio Letterario che annualmente ha espresso sempre qualcosa di nuovo, al punto tale che il piccolo centro Aliano, di 1000 abitanti, grazie ai Parchi Letterari Italiani e alla Società Dante Alighieri è stato candidato, a Capitale italiana della cultura 2018.
IL XXI Premio è stato presentato dal Comune di Aliano, dal Circolo Culturale “Nicola Panevino,  dal Parco Letterario “Carlo Levi”, dalla Regione Basilicata e da Matera Capitale della Cultura 2019.

sabato 3 novembre 2018

IO VADO ATTENTA PERCHE' VADO SOLA la nuova raccolta di poesie del Caffè Letterario La Luna e il Drago


Recentemente data alle stampe la raccolta di poesie di Autori Vari        
IO VADO ATTENTA PERCHE’ VADO SOLA a cura di Anna Montella
per leggere le prime 42 pagine o per acquistare il  volume cliccare QUI

relativa alla decima edizione speciale del Premio letterario Internazionale “La Luna e il Drago”,  che raccoglie i lavori degli  autori selezionati tra le opere giunte in segreteria da ogni parte d’Italia e dall’estero.

Come tutte le edizioni che l’hanno preceduta, il Premio è un progetto culturale maturato negli ambiti delle attività del Caffè Letterario La Luna e il Drago, ideato e curato da Anna Montella. Una bella realtà pugliese che opera su territorio nazionale dal 2009 per la condivisione, lo scambio culturale e la promozione del Genius Loci.

Questa decima edizione speciale è impreziosita dalla presenza di Alessandro QUASIMODO, attore regista testimonial nel mondo della Poesia dell’illustre genitore, il Premio Nobel Salvatore Quasimodo,  come Presidente onorario di Giuria e dalla presenza di un pool di Giurati d’eccezione che, oltre a rappresentare se stessi, rappresentano gli organismi culturali di cui sono responsabili e in nome dei quali hanno assegnato le Menzioni speciali di Merito.

sabato 27 ottobre 2018

A GROTTAGLIE LIBRERIA MONDADORI LEZIONE DI LETTERATURA CON PIERFRANCO BRUNI IN UN CONFRONTO CON MARILENA CAVALLO MARTEDÌ 30 OTTOBRE ORE 19.00

A Cesare Pavese la Libreria Mondadori di Grottaglie dedica una serata grazie allo studio di Pierfranco Bruni edito da Pellegrini, nella eleganza della Collana Zaffiri, "AMARE PAVESE", che si svolgerà martedì 30 ottobre alle ore 19.00 proprio all'interno dello libreria. 
Un lavoro che avrà come interprete a confronto la saggista e docente del Liceo Moscati di Grottaglie Marilena Cavallo, la quale, tra l'altro ha composto un capitolo nel libro di Bruni,  dedicato al tema Pavese e la piazza. 

Gran parte delle riflessioni di Pierfranco Bruni sono puntati proprio su Pavese. Da questo nucleo pavesiano parte per creare una rete a maglie aperte sul legame tra letteratura antropologia filosofia. 

Uno scrittore osteggiato e, anche, temuto perché la sua poesia e il suo romanzo hanno fatto scuola, ovvero hanno creato degli indirizzi letterari, metaforici e linguistici sul filo di una profonda metafisica in linea con la grecità dell’ulissismo e dei simboli. 

lunedì 22 ottobre 2018

A 40 anni dalla scomparsa di Gio Ponti. Oriente ed Occidente nella Concattedrale bianca di Taranto.


ESEMPIO DI RIVOLUZIONE ARTISTICA TRA CATTOLICESIMO E ISLAMISMO

di Pierfranco Bruni

Prepariamo le celebrazioni di Gio Ponti! Il marchio “Alitalia” è sinonimo di viaggio nel mondo. È sinonimo anche di turismo nel mondo. Ed è proprio Alitalia, attraverso la rivista “Ulisse”, a celebrare Gio Ponti a livello internazionale. Un grande artista, un grande designer italiano. Nato a Milano il 18 novembre del 1891 e morto a Milano il 16 settembre del 1979. Il prossimo anno si celebrano anniversari importanti, tra cui quello della morte di  Giovanni Ponti, a 40 anni, in arte Gio Ponti. Milanese, accademico italiano, ha sempre avuto grandi sostenitori nel regime fascista che credettero fortemente nella sua arte, a quella innovazione del disegno e  formazione internazionale dei modelli artistici e culturali che hanno avuto come punto nevralgico il neoclassicismo vissuto nelle opere di Piacentini.
Mostre, rappresentazioni, visioni. Gio Ponti è stato un grande rivoluzionario del Novecento. Ha lasciato segni importanti precisi, sia attraverso la straordinaria vocazione architettonica, sia attraverso una forma di razionalismo italiano che lo ha visto accademico e progettista. La sua attività di progettista ha lasciato il segno in molte città italiane. Si pensi al grattacielo Pirelli a Milano (costruito tra il 1955 e il 1958), agli spazi architettonici, a tutte quelle opere che costituiscono il modello di un movimento in cui la filosofia si è sposata con l’arte. Senza la revisione filosofica della scienza architettonica è inconcepibile cogliere il valore intrinseco di Gio Ponti.

mercoledì 10 ottobre 2018

La bellezza del Sud per rilanciare il Sud

di Francesco Lenoci
Docente Università Cattolica del Sacro Cuore - Milano

Francesco Lenoci con Rosa Colucci
Penso che gli organizzatori del Secondo Premio Internazionale “Nicola Fasano”, che volge al termine presso il Parco della Civiltà di Grottaglie, non avrebbero potuto scegliere titolo migliore per questa mia relazione: “La Bellezza del Sud per rilanciare il Sud”.







BELLEZZA
Sulla spilla che illumina la mia giacca c’è scritto “La bellezza resta”.

Verifichiamo se è vero recandoci con la macchina del tempo all’inizio del 900. Consideriamo le 7 nazioni “più importanti” del Mondo: Italia, USA, Inghilterra, Francia, Germania, Cina, Giappone.

lunedì 1 ottobre 2018

A COSENZA ALLA MONDADORI SI RICORDA SALVATORE QUASIMODO CON PIERFRANCO BRUNI


A  CINQUANT’ANNI  DALLA  MORTE
MERCOLEDÌ 3 OTTOBRE 2018 – ORE 18:30

Mercoledì 3 Ottobre 2018, alle ore 18:30, presso la libreria MONDADORI a Cosenza, Pierfranco Bruni (scrittore, poeta, direttore MIBAC, già candidato al Nobel per la Letteratura) e la scrittrice Stefania Romito (rappresentante letteraria del NUOVO RINASCIMENTO) ricorderanno Salvatore Quasimodo a cinquant’anni dalla morte con la presentazione della Cartella poetico-letteraria dal titolo: “SALVATORE QUASIMODO – TRA LA MAGNA GRECIA E I NAVIGLI”.  Ospite d’eccezione Alessandro Quasimodo, figlio del grande poeta siciliano, in collegamento da Milano, il quale racconterà particolari inediti della vita di suo padre e del suo rapporto con i più importanti scrittori a lui contemporanei, come Eugenio Montale e Giuseppe Ungaretti. Una testimonianza di grande interesse non soltanto letterario, ma soprattutto esistenziale.
Durante l’evento, al quale prenderanno parte anche Angela Zito (segretaria Associazione ELETTRA), Giuseppina Falcone (presidente Associazione ELETTRA) e Pino Sassano (Mondadori Cosenza), verranno approfonditi i temi peculiari della poetica di Salvatore Quasimodo tra cui il tema della solitudine, unita alla condizione di errante, di straniero nel mondo, al quale si contrappone il tema della memoria. La Sicilia, terra natia, simboleggia il beato Eden, il mondo dell’infanzia irrimediabilmente perduta. Soltanto nel ricordo, Quasimodo ritrova quell’armonia, quella condizione di pace assenti nella sua condizione esistenziale contemporanea, contraddistinta da una disgregazione di valori che il poeta ha il compito di denunciare e contrastare.

giovedì 13 settembre 2018

I BENI CULTURALI A TARANTO AL PARCO ARCHEOLOGICO DI COLLEPASSO A TARANTO VA IN SCENA LA GRECITÀ SABATO 15 SETTEMBRE

Sabato 15 settembre 2018, a partire dalle ore 20 fino alle ore 23, il Parco Archeologico di Collepasso a Taranto si trasformerà in una affascinante agorà. Uno stimolante viaggio tra memorie storiche, archeologiche e letterarie verrà offerto ai visitatori che desidereranno cogliere il senso della Meraviglia che abita lo splendido sito archeologico alle porte di Taranto, la città della Magna Grecia per eccellenza. Ed è proprio il vento del sapere e della conoscenza a soffiare su questa antica necropoli greca, eccezionale testimonianza delle nostre radici culturali. I responsabili del Parco Archeologico di Collepasso accoglieranno i visitatori con la consueta professionalità e competenza che li contraddistingue, introducendoli in una seducente epoca, risalente a più di 2600 anni, che ha tracciato, in maniera indelebile, il nostro cammino culturale ed esistenziale attraverso miti e simboli.

La serata verrà impreziosita dalla trattazione di tematiche poetiche che andranno ad intrecciarsi all’ambito linguistico, in una amalgama di forte impatto emozionale. Poiché la poesia è una delle espressioni più sublimi del linguaggio umano. La magia proseguirà con le letture di Eufemia Pavone (a partire dalle ore 20:45) sulla Puglia del dialetto, un percorso etnico-linguistico che andrà a disvelare la Bellezza di un linguaggio che si lega alla realtà di un territorio straordinariamente ricco di storia e cultura come è quello della Puglia.